Follow us!

Cristiano Poli Cappelli: 24 CAPRICHOS DE GOYA

 (Da Vinci Classical)

Potremmo forse definire Chopiniana un “recital”, per com'è strutturata, dal momento che essa si avvale di un filo conduttore narrativo affidato all’attore - Maximilian Nisi - nel ruolo di Fryderyk Chopin, il quale conduce lo spettatore attraverso sei momenti salienti della vita del compositore polacco, insieme ad altrettanti quintetti (quartetto d’archi e pianoforte), musicalmente basati sulle tematiche narrate.

Un recital, dunque, dal sapore cinematografico, poiché il personaggio di Chopin, in punto di morte, ripercorre tutta la propria esistenza come in un film: dai suoi ricordi d'infanzia nel ducato di Varsavia, passando per la morte della sorellina Emilia, evento che segnò prNicolas Chopin, anch'egli musicista; ancora, i concerti e la predilezione  per i salotti piuttosto che per i grandi teatri e le moltitudini di spettatori, per finire con la malattia - Chopin morì di tisi nel 1849, ossia a soli trentanove anni - e il congedo dalla vita e dal pubblico. 

Cataldi, oltre che delle partiture, è anche autore dei testi, i quali sono ispirati a diverse biografie del compositore, ma in particolare a quella di Franz Liszt. il quale fu intimo amico del pianista polacco ed appena due anni dopo la sua morte ne scrisse una biografia di enorme valore testimoniale.

“Chopiniana” debutterà il 18 Maggio a Velletri (RM), presso la Casa delle Culture e della Musica e vedrà sul palco oltre all’attore Maximilian Nisi anche lo straordinario Quintetto formato da Demi Laino (1°primo violino), Simona Foglietta (2° violino), Silvia Dello Russo (viola), Donato Cedrone (violoncello) e Fabio Ludovisi (pianoforte); l’elettronica è affidata allo stesso compositore Stefano Cataldi. 


Segnaliamo inoltre la presenza in partitura di un Magnificat per doppio coro (composto per l’occasione dal Maestro Cataldi ed eseguito dalla Corale “Lavinium” magistralmente diretta da Fabrizio Vestri) che, eseguito in playback, sarà parte integrante dello spettacolo.


Non ci resta che augurarvi buon ascolto.